Multa non pagata, cosa fare

Multa non pagata, cosa fare

Quali sono le conseguenze di una multa non pagata?

I cittadini hanno 60 giorni (2 mesi circa)  di tempo per pagare la multa, passata la scadenza l’intestatario ufficialmente non ha saldato la multa e risulta debitore allo Stato.

Sapere cosa fare e quali sono le conseguenze (economiche e amministrative) quando abbiamo per le mani una multa non pagata è molto importante.

Capita infatti che i cittadini non ricevono la sanzione stradale e quindi, non essendo a conoscenza dell’infrazione, non si occupano di pagare la multa.

Le conseguenze sono varie, si passa per esempio da un aumento dell’importo della multa fino anche al pignoramento dei beni.

Ecco quindi le informazioni utili, dall’aumento della multa fino al termine di prescrizione, da sapere in caso di multa non pagata

Prescrizione di una multa non pagata

Come tutte le sanzioni amministrative, anche la multa cade in prescrizione e dopo la scadenza, l’intestatario non ha più l’obbligo di pagare la somma.

Il termine di prescrizione di una multa è di 5 anni: devono passare 5 anni dall’ultimo atto notificato all’intestatario.

Gli atti che interrompono il periodo di 5 anni della prescrizione, oltre al verbale di contravvenzione, possono essere anche le cartelle di pagamento inviate dall’Agenzia delle Entrate o anche l’avviso di fermo amministrativo del veicolo.

Di quanto aumenta una multa non pagata

Nel caso in cui non siano ancora passati 5 anni, ma sono già scaduti i 60 giorni di tempo per pagare la multa, l’importo da pagare aumenta considerevolmente di interessi e more.

Il calcolo per capire di quanto aumenta la multa non pagata è il seguente: dopo la scadenza dei 60 giorni, gli interessi aumentano del 10% dell’importo della multa ogni 6 mesi.

Questo significa che dopo i primi sei mesi, il 10% degli interessi viene calcolato sull’importo della sanzione già maggiorato del primo 10% degli interessi e così via.

Ricordiamo che è sempre utile occuparsi di pagare la multa nei termini di tempo, se si paga entro 5 giorni infatti si ha anche lo sconto del 30%.

Leggi anche: Cartella esattoriale: si può pagare a rate e come fare il ricorso?

Lascia un commento