Rateizzazione cartelle esattoriali

Rateizzazione cartelle esattoriali

L’Agenzia delle Entrare ti da la possibilità di usufruire di un piano di rateizzazione delle cartelle esattoriali senza il pagamento delle quote pregresse. Vediamo insieme chi può usufruire della rateizzazione tributario, come presentare la domanda e tutti i benefici previsti dal Decreto Cura Italia per i contribuenti che hanno rateizzazioni decadute o dilazione pregresse scadute.

Chi può usufruire del piano di rateizzazione per le cartelle esattoriali?

Il Decreto Cura Italia dell’8 marzo 2020 ha previsto la possibilità di rateizzare le cartelle esattoriali che hanno rateizzazioni scadute. Si può ottenere comunque la dilazione del debito anche senza aver prima saldato le rate precedenti.

Grazie a questo decreto anche i contribuenti non inclusi nella sanatoria possono beneficiare di queste modifiche del piano di rateizzazione delle cartelle esattoriali, con un’estensione della clausola di decadenza dal beneficio del termine di 10 rate.

Come fare domanda per ottenere la rateizzazione delle cartelle esattoriali?

Beneficiare del piano di rateizzazione è molto facile. Ti basterà presentare un richiesta entro fine 2022.

Esistono tre possibilità per inviare la domanda per la rateizzazione delle cartelle esattoriali:

  • inviare una PEC agli indirizzi presenti nei modelli di rateizzazione;
  • presentare la richiesta all’Agenzia delle Entrate;
  • presentare la domanda online dall’area riservata agli utenti sul sito Agenzia delle Entrate, per importi fino a 100.000 euro.

Leggi anche: Prescrizione debiti: quando vanno in prescrizione i debiti dell’Agenzia delle Entrate, Irpef, Ires, Iva, imposta e bollo

Lascia un commento