Esattore domiciliare: chi è, cosa può fare e come difendersi

Esattore domiciliare: chi è, cosa può fare e come difendersi.

In genere quando non si riesce a pagare le prime due o tre rate dei finanziamenti, si viene bombardati dalle telefonate dei call center delle società di recupero crediti che cercano in tutti i modi di spaventarti per farti pagare.

Una delle minacce più comuni è: “Verrà a casa sua un nostro procuratore stragiudiziale o esattore domiciliare”.

 Chi è l’esattore domiciliare?

Viene comunemente chiamato procuratore stragiudiziale o esattore domiciliare. E’ in genere un collaboratore a partita iva o dipendente di una società di recupero crediti privata che ha il compito di recarsi a casa dei debitori al fine di cercare di farli pagare.

Non è quindi un pubblico ufficiale e non ha alcun potere conferito dalla legge.

Che fa l’esattore domiciliare?

L’esattore domiciliare ha il compito di recarsi presso l’abitazione del debitore e di invitarlo a pagare gli importi ancora non versati. La differenza con gli operatori del call center della società di recupero crediti è che non si limita ad effettuare delle telefonate per cercare di riscuotere ma si reca direttamente a casa del debitore.

Che poteri ha l’esattore domiciliare?

Essendo un soggetto privato non ha nessun potere. Può bussare al tuo citofono o al campanello di casa ma se tu non vuoi incontrarlo o parlarci puoi invitarlo ad andarsene immediatamente. 

Ha molti altri limiti ad esempio:

  • Non può pretendere nè che gli apri la porta nè che lo faccia entrare in casa tua o nel tuo palazzo. 
  • Non può pedinarti altrimenti andrebbe a violare la tua privacy e potresti denunciarlo.

Spesso i call center fanno credere che sia un ufficiale giudiziario e che possa pignorare i beni del debitore. Invece dato che nessuna legge regola le sue funzioni, non ha alcun potere.

Qual è la differenza tra l’esattore domicialiare e l’ufficiale giudiziario?

L’ufficiale giudiziario è un organo pubblico, dotato di poteri pubblici, che agisce in forza di un’autorizzazione di un giudice e che pertanto ha il potere di entrare in casa del debitore anche contro la sua volontà, eventualmente valendosi della forza pubblica. Lo scopo dell’ufficiale giudiziario è di solito quello legato alla notifica degli atti giudiziari o al pignoramento mobiliare ossia all’interno dell’appartamento.

Posso chiedere all’esattore domiciliare i propri documenti di riconoscimento e i dettagli del suo mandato?

E’ buona regola identificare la persona con la quale si sta avendo rapporti soprattutto se ha informazioni sulla propria posizione debitoria. Si potrà chiedere di visionare il suo documento e codice fiscale e conoscere la società per cui lavora per verificare se è stata correttamente incaricata del recupero del credito vantato dalla finanziaria.

L’esattore domiciliare: a che ora può presentarsi a casa?

L’esattore domiciliare può presentarsi solo negli orari di lavoro, cioè dalle 8 di mattina alle 8 di sera.

Non può insistere e rimanere fermo ad aspettare per ore il rientro a casa del debitore o presentare più volte nello stesso giorno; in caso contrario potrebbe essere anche denunciato per molestie o stalking.

Che può fare l’esattore se non sono a casa?

L’unica cosa che può fare è lasciare un biglietto con il suo numero nella cassetta delle lettere purchè non sia visibile agli altri condomini o vicini di casa.

Non può lasciarti avvisi affissi sulla porta né può rivelare ai vicini di casa le ragioni della propria visita. 

Diversamente compirebbe una grave violazione della privacy con conseguente responsabilità penale.

E’ possibile denunciare l’esattore?

L’esattore può essere denunciato qualora commetta un reato ed in particolare nelle seguenti ipotesi:

  • se vuole entrare in casa contro la volontà del debitore;
  • se non vuole più uscire dalla casa del debitore che ha deciso inizialmente di farlo entrare
  • se rivela ai vicini le ragioni della propria visita
  • se compie atti persecutori nei confronti del debitore come il presentarsi tutti i giorni al suo indirizzo o attenderlo tutte le sere sotto casa.

In questi casi è possibile denunciarlo tranquillamente in quanto il reato penale è soggettivo, mentre per ottenere il risarcimento dei danni si potrà chiamare in causa anche la società di recupero crediti con la quale lavora.

Come guadagna l’esattore domiciliare?

L’esattore domicialiare in genere percepisce una commissione in percentuale sull’importo recuperato. Per questo cercherà in tutti i modi di farti pagare altrimenti non guadagnerà nulla e ci avrà rimesso, oltre al tempo, anche le spese per venire da te.

Che succede se non paghi l’esattore domiciliare?

Se il debitore si rifiuta di parlare con l’esattore o comunque decide di non trovare nessun accordo e pagare, la pratica può passare nuovamente ai call center o ad altre società di recupero che potrebbero inviare qualche altro esattore domiciliare.

In qualche caso, dopo la decadenza del beneficio del termine, passa tutto all’ufficio contenzioso e/o legale, con il quale sarà possibile trovare un accordo per evitare che passino la pratica all’avvocato che potrà avviare il recupero giudiziale con il decreto ingiuntivo. 

Se vuoi saperne di più in merito al funzionamento di tutte le fasi del recupero crediti e su come puoi difenderti leggi anche questo nostro articolo qui 

Se ti trovi in difficoltà e non riesci a pagare i tuoi finanziamenti, puoi chiedere una consulenza gratuita spiegandoci la tua situazione e lasciando i tuoi recapiti a www.debitobancario.it/contatti o scrivendoci una email dettagliata a info@debitobancario.it

 

Leave a Reply