BLOCCATO DECRETO INGIUNTIVO DELLA BANCA DI CIVIDALE. I TASSI ERANO USURARI!

Siamo a UDINE.

Una Snc di Manzano riceveva da parte della Banca di Cividale spa un decreto ingiuntivo richiedendo pagamento di 63 mila 827,55 euro!!

Il giudice civile del tribunale di Udine, Francesco Venier, ha rigettato la richiesta di dare provvisoria esecutorietà al decreto ingiuntivo in questione e rinviato la causa all’udienza del 24 giugno.

Infatti la banca aveva concordato un tasso del 13,37267 per cento, a fronte di quello legale di 12,765 vigente in quel momento senza calcolare competenze e spese su un contratto di apertura di credito in conto corrente.

Si eccepiva, quindi, la natura usuraria del tasso di interesse contrattualmente pattuito!!!

Si ricorda che in presenza di interessi usurari nulla è dovuto!

Anzi ne consegue il diritto del mutuatario o del beneficiario del finanziamento di ripetere tutto quanto indebitamente pagato a tale titolo, insomma deve essere RESTITUITO quanto indebitamente richiesto e trattenuto dalla banca.

Secondo l’ordinanza del giudice : «L’applicazione di interessi a un tasso superiore a quello soglia vigente all’epoca di conclusione del contratto risulta per tabulas dalle condizioni economiche del contratto, atteso che la determinazione del tasso annuo non può che effettuarsi tenendo conto anche degli effetti della capitalizzazione trimestrale».

Leave a Reply