ALCUNI DEI NOSTRI SUCCESSI 

Marco ed Alessandro M.

- Erano fideiussori di una società fallita nel 1996.

- Nel 2012 la banca, a seguito della chiusura del fallimento, notifica loro un decreto ingiuntivo e iscrive ipoteca su immobili di prestigio di un valore di circa 2.000.000 di euro.

- Il debito del 1996 era di 163.000 euro (circa 320.000.000 milioni di lire)

- La banca agiva per circa 500.000,00 euro.

Risultato:

In circa 3 mesi abbiamo chiuso la posizione pagando 150.000,00 euro

Marco ed Alessandro M.

Antonio e Giovanna S.

- Sono sposati da 25 anni. Hanno 3 figli. Antonio è dipendente di una multinazionale mentre Giovanna lavora saltuariamente.

- Un finanziamento in particolare con una nota finanziaria li sta mettendo alle strette.

- Hanno una rata di 850 euro mensili.

- Il debito attuale in caso di estinzione anticipata è di 70.000,00 euro.

- Hanno degli immobili di proprietà

Risultato:

Per avere un po’ di liquidità ipotecano la loro prima casa e chiudiamo con 33.000 euro il debito con la finanziaria.

Antonio e Giovanna S.

Francesco e Katia, marito e moglie

- Francesco ha avuto problemi con una società immobiliare di cui era amministratore, Katia era fideiussore.

- Debito con una banca che nel 2011 gli notifica un decreto ingiuntivo per circa 60.000,00 euro.

- Facciamo la perizia e ci opponiamo nei 40 giorni al decreto ingiuntivo contestando il credito

- Alla banca non viene concessa la provvisoria esecutorietà ma restano comunque debitori di 35.000,00 euro

Risultato:

A fine 2014 chiudiamo a 25.000 euro con cambiali mensili in 2 anni

Francesco e Katia, marito e moglie

Giuseppe P. è un impiegato della posta che non è riuscito a pagare un finanziamento.

Ci contatta quando gli viene notificato un precetto per 26.000 euro.

Risultato:

Siccome il credito era stato ceduto riusciamo a chiudere a saldo e stralcio per 3.000 euro

Giuseppe P.

Il sig. Luigi D.L. È un imprenditore nel settore calzaturiero da oltre 30 anni.

- Nel 2012 le 2 banche principali gli impongono di rientrare degli affidamenti

- Le banche gli fanno sottoscrivere 2 mutui ipotecari su 2 delle sue proprietà.

- La società viene dichiarata fallita. Ma le banche hanno già intascato i soldi.

- Il Sig. Luigi, non avendo fonti di reddito non riesce a pagare i mutui.

- Una delle due banche notifica un precetto.

Risultato:

Ci opponiamo perchè c’è usura nel mutuo, nel fido e il mutuo è simulato. Tutto sospeso. La prima udienza dopo 1 anno e 1/2. L’altra banca dorma ancora.

Luigi D.L.,

Massimo P. Noto albergatore ha un grosso problema con un leasing.

- Oggi la società di leasing gli ha risolto il contratto e pretende 245.000 euro oltre alla restituzione dell’immobile

- Ci opponiamo alla loro azione e tramite la perizia gli dimostriamo che il leasing era in usura e che il debito non era quello.

Risultato:

In questo ultimo periodo stiamo riuscendo a chiudere un accordo per 120.000,00 euro.

Massimo P.,

Nota società del casertano si è trovata super indebitata.

- A luglio 2014 su un finanziamento ipotecario gli viene notificato un precetto e poi un pignoramento immobiliare

- Ci opponiamo per presenza di usura sia nel finanziamento sia in un conto affidato

- Il debito totale ammonta a circa 900.000 euro. Il recupero a soli 100.000 quindi rimane un debito di 800.000.

Risultato:

Nonostante questo c’è la SOSPENSIONE del pignoramento in quanto il credito non è certo, liquido ed esigibile

Nota società del casertano ,

Claudio ha contratto un mutuo ipotecario di euro 320.000,00  per ristrutturare il proprio immobile di proprietà nel 2008

- Non è riuscito a pagare le rate del mutuo perché ha dovuto chiudere la sua ditta a causa della crisi

- L’immobile è stato pignorato

- In un primo momento la banca chiedeva almeno 180.000,00 per estinguere a saldo e stralcio la posizione

- L’immobile è stato periziato dal Ctu per 84.000,00 avendo perso notevolmente il suo valore iniziale

Risultato:

  Stiamo per chiudere un saldo e stralcio a 75.000,00 con la liberazione dell’intera posizione debitoria del cliente

Claudio,